La Sacra Icona di Maria Santissima delle Grazie è un quadro di puro stile bizantino. L'opera pittorica è di autore ignoto e risale al XII secolo. Alcuni affermano trattarsi di un quadro proveniente da Bisanzio, scampato alla furia iconoclastica, cioè a quella furibonda lotta contro le immagini e cose sacre scatenatisi a seguito del sacrilego editto di Leone III Isacurico, emanato nell'anno 726. 
Invero la lotta iconoclastica suscitò la generale fuga di opere e di artisti del medio oriente, e molti di essi non potendo riparare nei più vicini ma ostili lidi musulmani, ripararono nella nostra Italia, culla in ogni secolo dei perseguitati della fede. 
Tale movimento produsse un notevole risveglio artistico bizantineggiante nella nostra terra e specialmente in Roma, dove alcuni maestri di Bisanzio fondarono addirittura una scuola di mosaico e pittura a forma del tutto artigianale. 
A detta scuola deve attribuirsi la Sacra Icona della Madonna delle Grazie di Sonnino, acquistata in Roma probabilmente dal Principato che volle farne dono al suo popolo diletto, e venerarne la gloria nella ampliata Chiesa di San Michele Arcangelo.