Dicembre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Oggi


s.Lucia v.

Il sole sorge alle ore 07:47 e tramonta alle ore 16:15

Luna Calante  

Pillola per lo spirito
Un sorriso dà sollievo a chi è stanco,
rinnova il coraggio nelle prove nella tristezza è medicina.

P.Faber
Il dialetto spasa => piatto di coccio di grand dim.
La foto: Angoli fioriti...

Proverbio
Buone parole e cattivi fatti
ingannano savi e matti.

La battuta
Suonai.
Lei mi apri' con un sorriso.
Non e' facile, provate voi.

Flavio Oreglio



LE 'MMASCHERE

La sfelata delle 'mmaschere a Carnevale
se repeteva ogn'janno puntuale.
Era lo béglio ríde e lo béglio vedè
co Ciacione, cazzúne e gilè,
co ciocie e cardamacchie Giovagne Piscella
sotto raccio a Béccia co la vonnella.
Arcangelo ió Ragno cogl'jarganetto,
beveva e sonava a ogne balletto.
Ereno tante le 'mmaschere 'n costume
pittate 'nfaccia pure cóglio nerofúme.
Ze Luceiano Capotino se faceva menì le voglie,
se 'nze metteva ió rotunno della moglie,
co ze Rocco ió gobbo tra le raccia come figlio,
faceva finta d'allattà no picciriglio.
Ogne tanto ce cantava la ninna nanna
e ze Rocco, zico, come nó frúcchelo de spanna,
s'era misso accomm' a 'nna pizza
e diceva: - Mamma damme la zizza!
... Dóppo ze Rocco piagneva
e la zizza a ze Luceiano repeteva:
- Mamma, mamma, diceva có stizza,
damme na cichenétta de zizza.
All'antrasacca se fenàvo ió munno,
comenzavo a piove a zeffúnno.
Ió seppórteco de Selevestro faceva da paracqua
le 'mmaschere se ferméro a chéll'acqua.
Ze Rocco, pé fazze sentì, la voce aízza:
- Mamma damme na cichenetta de zizza!
Ze Luceiano pé 'nnon sentiglio più strillà,
ió schiaffàvo, così pé scherzà,
sotto nó túscio de 'nno connútto,
aiécco ze Rocco, vedívo lo brutto.
- Aiuto, me manca ió fiato, m'èsce lo fritto!
- E' méglio, accosì te múre e te staie zitto!



Dante Bono