Le ricette pubblicate
ANTIPASTI
PRIMI
SECONDI
CONTORNI
PANE, DOLCI e PIZZA
Bugie di carnevale (frappe)
Canesciune
Cannelicchi
Ciammelle al latte
Ciammelle de magro
Ciammelle scottolate
Ciammellone
Ciammellone al cacao
Castagnole di carnevale
Crespelle di San Giuseppe
Croccanti (o tozzetti)
Pasticcini con le mandorle
Pizza co'lo sale
Pizza Vannarda
Pupa e Cavagliuccio
FRUTTA
 

Conoscete una vecchia ricetta sonninese? Inviatela.... possibilmente con qualche foto.

 

   

Bugie di Carnevale (frappe o chiacchiere)

Ingredienti:

500 gr. di farina
4 uova (2 intere e 2 tuorli)
50 gr. di burro
50 gr. di zuchero
1 limone grattugiato
un pizzico di sale
1 bicchierino di brandy o grappa
zucchero a velo
olio

Preparazione:

Fate fondere il burro a fuoco dolcissimo. Setacciate la farina sulla spianatoia, fate la fontana e versatevi il burro, le uova, la grappa e lo zucchero. Sbattete delicatamente gli ingredienti con la forchetta e, quando l'impasto si sarà un po' rassodato, lavoratelo con le mani impastando energicamente per una decina di minuti, fino a quando sarà liscio ed elastico. Raccoglietelo a palla, mettetelo in una ciotola infarinata, coprite con un canovaccio piegato in quattro e lasciatelo riposare per un'oretta. Trascorso questo tempo, dopo aver infarinato leggermente la spianatoia, dividete la sfoglia in due pezzi e stendetela, con il mattarello, ad uno spessore di due o tre mm. Con la rotellina dentata ricavatene delle losanghe oppure dei rettangoli che inciderete con due tagli paralleli, o ancora delle lunghe strisce larghe un paio di cm che potrete annodare morbidamente oppure modellare a forma di fiocco. Riempite a metà la padella con l'olio e quando è moderatamente caldo (160°) friggete due o tre cenci alla volta lasciandoli dorare due minuti per parte. Scolateli, passateli su un doppio foglio di carta da cucina e, quando saranno tutti pronti, spolverateli abbondantemente di zucchero a velo, fatto scendere da un setaccino.
Il segreto: Perché i dolci fritti risultino leggeri e non unti occorre che nell'impasto base lo zucchero venga usato con molta parsimonia mentre lo si userà con generosità dopo la frittura, al momento di inzuccherarli.