Autunno (E.Bono)
Sonnino (G.Ventre)
A Sonnino (I.Pennacchia)
Sonnino a primavera (I.P.)
La mia gente (U.Bernabai)
Bollicine d'estate (U.Bernabai)
Storia nostra (Grazia Bono)
Vicoli (Sonnino Racconta)
A Sonnino (Luigi Dei Giudici)
Il mio paese (Elsa Mandatori)
Sonnino (Cristina Farinazzo)
Sonnino (Giancarlo Cappadocio)
Le Torce (Antonio Cugini)
Le Torce (Dante Bono)
La festa delle Torce (D. Bono)


 in poesia


SONNINO

di Giancarlo Cappadocio



Sonnino Paese méio che se' béglio,
da san Francisco a'glio Castéglio
té iè vicole co' iè rate,
stai sotto iò monte delle Fate.

Iò còre pulsante è la Portella,
la vita è calma e tanto bella.
Antiche porte a fàtte varco,
fai la fiera a san Marco.

Adagiato sugli Ausoni,
conservi fede e tradizioni,
se fao tante processioni
e c'è fervore alle elezioni...

té le Torce pe' orgoglio
e 'nse sa quante mésure d'oglio..
c'hai i "Parioli" alla Variante,
e si tenuto iò brigante...

Te salvao 'no missionario,
sta a sant'Angelo iò santuario,
delle Grazie è la Madonna,
ci protegge come mamma.

Ogne tanto sfùrne 'no cardinale
e spicca la banda musicale,
si cresciuto iò calciatore...
e tutte quante vao fòre...

La cultura té discreta,
c'ha 'scito pure ca' poeta.
Tu pe' mi se' orgoglio e vanto,
te devo dì: me manche tanto.