Autunno (E.Bono)
Sonnino (G.Ventre)
A Sonnino (I.Pennacchia)
Sonnino a primavera (I.P.)
La mia gente (U.Bernabai)
Bollicine d'estate (U.Bernabai)
Storia nostra (Grazia Bono)
Vicoli (Sonnino Racconta)
A Sonnino (Luigi Dei Giudici)
Il mio paese (Elsa Mandatori)
Sonnino (Cristina Farinazzo)
Sonnino (Giancarlo Cappadocio)
Le Torce (Antonio Cugini)
Le Torce (Dante Bono)
La festa delle Torce (D. Bono)


 in poesia


SONNINO

di Gaspare Ventre



Sonnino paese meio
a guardatte co ste mura vecchie
me faie pensa a chissà quant'anni vaie,
ma co tutto ca se vecchio
jo tempo pe ti pareca non passa maie.
I vicoli, i sepporteche, le vie sempre chelle sò.
'Nfatti eia passato Gasbarrone, jo Cardinale Antonelli, S. Gaspare
e tanta gente ce passarà ancora,
i puro ca non saie legge
abbasta guarda aglie mure
e ligge la storia deglio paese nostro.
'Ntanto jo ventareglio d'estate, ta recconta
le cose pisù belle, co chella cantalena
che santrefela arnmeso aglie vicoletti,
accarezza le cocche alle giovenotte,
e piano piano alla recchia te l'areccontà,
sente i descurse delle vecchie che stà o allo frisco
a fà la cazzetta e te l'arecconta,
porta jaddoro degli fiure e della frutta de stagione
e doppo porta alle giovenotte i bace che ce scroccheno
i spuse da lontano.
Io vento de memo ammececa,
ta recconta le cose più brutte
le guerre, la fame, la carestia e tant'étre cose
che la lavagna degli mure té scritto anfaccia,
senza che jo vento de modernitàà fatto de marmo,
maioliche e cemento no scancellarà maie.