Autunno (E.Bono)
Sonnino (G.Ventre)
A Sonnino (I.Pennacchia)
Sonnino a primavera (I.P.)
La mia gente (U.Bernabai)
Bollicine d'estate (U.Bernabai)
Storia nostra (Grazia Bono)
Vicoli (Sonnino Racconta)
A Sonnino (Luigi Dei Giudici)
Il mio paese (Elsa Mandatori)
Sonnino (Cristina Farinazzo)
Sonnino (Giancarlo Cappadocio)
Le Torce (Antonio Cugini)
Le Torce (Dante Bono)
La festa delle Torce (D. Bono)


 in poesia


SONNINO A PRIMAVERA

di Innocenzo Pennacchia



Attorno a 'no colle
aggrappato,
ammeso agli Ausoni
agguattato,
Sonnino sta.
Alla sbotata 'Ile Ceree
te jo vide presenta'
denanze agli occhie
comme 'no paesaggio de presepio;
e più t'arampichi
e più te se mostra tutto:
pacifico,
beato
sotto aglio célo chiaro.
Oh, quant'è béglio e caro
'sto paese méio!
Ogni anno però, a primavera,
se fa più béglio
e pare che ride
asciso d6ce d6ce
ancima a 'no molle tappeto
de fiure bianchi e rosa:
je màndoli de Le Pieve.(*)
Ma quando arivi 'n piazza, alla Portella,
e t' aff atti alla ringhiera
che spettacolo tu vide, che maraviglia!
Girenno 'ntomo 'ntomo, a dritta, a manca,
j 'occhie teie remaneno 'ncantate:
è tutto verde ( le chiome degli ulivi)
e ammeso a tanto verde,
mo qua mo là
macchie de bianco e rosa
che pareno batùfoli de bammacìna
iettate là dagli Angeli
così, alla rinfusa,
quasi pe' gioco e pe' divertimento.