Autunno (E.Bono)
Sonnino (G.Ventre)
A Sonnino (I.Pennacchia)
Sonnino a primavera (I.P.)
La mia gente (U.Bernabai)
Bollicine d'estate (U.Bernabai)
Storia nostra (Grazia Bono)
Vicoli (Sonnino Racconta)
A Sonnino (Luigi Dei Giudici)
Il mio paese (Elsa Mandatori)
Sonnino (Cristina Farinazzo)
Sonnino (Giancarlo Cappadocio)
Le Torce (Antonio Cugini)
Le Torce (Dante Bono)
La festa delle Torce (D. Bono)


 in poesia


LE TORCE

di Antonio Cugini



Aglie tempe 'glie volsce la vita era dura
i z'areccommanaveno alla natura
co' 'glie latine i co' 'glie romane
se feceveno je rite, che éreno pagane.

Tra bona credenza i superstizione
se fece largo la relegione
jo recorso a elemente e sìn1bole materiale
addeventeno strumento d'idendetà culturale.

Le preghiere, je spàre, je confine,la cera
vergene so' valore de tradizione vera.
Le Torce accossì so 'ccarta d'identetà
la fiamma jo lume de chésta comunetà.

È la festa più uneca, più antica i più bella
se spara la gioia tra San Pietre i la Portella.
Doppo la messa i la benedizione
je torcialore s'abbiéno pe' 'lla processione.

Organizzeno tutto je quattro caporale
da tutte respettate guide spirituale.
Cincocento torcialore ariveno al Cona
doppo se sparteno, pè controllà la zona.

Pe' trenta chilometri de montagna i de notte
le carne so' grette i glie pete so' cotte.
Ma ce ne stisse uno che sente la fatìa
appartenenza i devozione so' 'la retta via.

Le Torce so' 'glio simbolo 'lla sonnenesità
l'ascenzione de valore de 'nna sana società.
Da tutto jo munno vevo a provà' st'antica emozione
'sto' spettacolo globale della partecipazione.

Je confine sò nno limite d'educata prudenza
je rite sò 'lle regole de respetto i convivenza
amicizia, lealtà, feducia, lo cemento sociale
ce vedemo a' nn' ètr'anno, aspetteme, caporale.