IL TERRITORIO
Dove siamo
Cenni Storici
Il Castello
Le Chiese
I vicoli
Le Porte
Le Mura
La Portella
CULTURA e STORIA
Le Torce
La Desolata
I personaggi
Monumento ai caduti
Museo Terre di Confine
Poesie su Sonnino
Il dialetto
Sonnino in guerra
SONNINO CARSICA
Campo Soriano
Jo Catauso
Calanche S.Nicola




LE TORCE

"Le torce" sono per noi Sonninesi semplicemente "Le torce", non è una festa e tanto meno una sagra, ma una manifestazione di popolo, che risale nella notte dei tempi ed è forse l'unica manifestazione della quale risulti tuttora distinguibile l'innesto di un rito cristiano su di un soggetto di sapore prettamente pagano. "Le Torce" si esplicano tuttora nella semplicità di un'antica liturgia cristiana e una cornice di folklore.
"Le Torce" si celebrano nel giorno della vigilia dell'Ascensione , quindi ogni anno cambiano in base alla ricorrenza della Pasqua.
    Il cammino sui monti riassume il concetto cristiano della penitenza e il tradizionale fervore agreste con la necessità del controllo dei confini del proprio territorio.
    Il canto dei vespri nel Santuario della Madonna delle Grazie, dà inizio alla manifestazione. Le torce, fatte di cera vergine, vengono benedette dal Sacerdote, poi vengono consegnate ai quattro caporali, che sono coloro che guideranno la schiera dei "torciaroli" per tutto il tragitto.
    La partenza avviene da Piazza San Pietro, tra un turbine di fucileria e campane a distesa.
Al limite del paese, il sacerdote esorta e benedice i partecipanti, che si incamminano sui monti.
    Il percorso è lungo circa 30 km., la partenza è alle ore 14.00 e il rientro è previsto verso le 5 del mattino del giorno successivo, giorno dell'Ascensione.
    In località "La cona" il gruppo si divide su due schiere: la prima percorre il crinale della Costa dei Deveri, il bosco del Tavanese, il Monte delle Fate, fino al costone delle Serre. Da qui scende in località? la Sassa.
    La seconda schiera segue i confini con Monte San Biagio e Terracina. Tocca le località di Monte Romano, Cascano, Frasso, Fossanova, La Sassa, dove si ricongiunge alla prima. Da qui procedono di nuovo verso il paese.
    La parte più suggestiva della manifestazione è la fiaccolata notturna sul costone delle Serre: all'apparire delle prime luci delle torce esplode sia tra i manifestanti sia tra la popolazione rimasta in paese gioia ed entusiasmo, che vengono accompagnati da fuochi d'artificio e colpi di fucileria a salve. E' uno spettacolo che non ha eguali...
    In località la Sassa, le torce dei caporali, che non vengono mai accese, sono tagliate in piccoli pezzi, poi distribuiti alla gante. Questi sono conservati in casa e accesi in segno di somma devozione, solamente in caso di tempesta e per scongiurare gravi calamità.

Il Percorso



Vedi i servizi fotografici