ANTONIO CUGINI
Je'bbare de Sonnino...
Ammes’ agl’Abborìggene...
Dalla Porta S.Pietre alla...
Dalla Piazza glio pesce....
Campéro sapènno
Gesù nato a Sonnino
Le Torce
Processo a Lombroso
Stamo alla frutta
Stamo alla frutta 2





CAMPÉRO SAPÈNNO
Campéro sapènno a malapena ch’erano esestite
Mai ‘na gioia, ‘no soriso, ‘na carezza, sempre patite.
Tra stente, mesèrie, epidemìe i sfruttamento
Se faceveno vecchie, ‘ngioventù ‘no tormento.
Pe’ ‘ffà ste macere stacchero je peschie dalla montagna.
Jo padrone te campa, i allora guaie a chi se lagna.
Se schiattava dalle dièce alle sìdece ore la dì
Pe’’nno mucceco de pane i cepolla a mesadì.
1798 a Sonnino pe’lla repubblica romana
Mannero jo comandante Arnaud, ‘no figlio de pottana.
Entravo a Sant’Angelo ch’addeventavo trebbonale
Pe’ condannà’ i accide je sonninese ch’èrano resposto male.
Alla chiamate alle arme, cinc’anne de guèra,
se direno alla macchia, no la pella a ‘nn’estranea tèra.
Jo sdegno pe’ ‘st’oltraggio ‘glio Giacobbimo
Arevao alle stelle, i alle macchie de Sonnino.
Jo paese ricco, de pede de olive doa meliune,
ma se toglieva tutto la chiesa i ‘glie padrune.
Co’lla promessa fauzza ‘ca se tèta patisce,
a ‘sta vita, accosì alla promessa doppo gioisce.
Gioisce stoc...o cantavo Gasbarrone.
E’ ora de fenilla co ‘lla museca ‘sta canzone.
Le resorse prodotte a ‘sto paese
Vu ve togliete frutto i capitale.
Nu c’accetemo i campamo male.
Se ‘glio ‘bbufelo Gaspere vo’ fa ‘na ‘’bbon’azione
Tèta convince prima la chiesa co’ ‘glio padrone,
‘ca chi lavora è ‘n’umele bracciante.
Pe’ contenuà’ a sfruttaglio j’ hao ditto bregante.
La storia deglio cammello i della cruna
Jàtela a recontà’ ‘ncim’alla luna.
Mo’ me pozzo costituì, pe’ metteve ‘nprova
Vedemo se mantenete la parola.
Me sete promessa ‘n’amnestia
Ma conoscenno a vù so’ sbagliato via.